“Acuto” di dolore del cantante lirico Mariani: spettacolo settore “invisibile” nell’emergenza

di Aleandro Mariani

E’ un “acuto” di dolore e di allarme quello dell’abruzzese Aleandro Mariani, una promessa della lirica italiana, che in una lettera aperta indirizzata al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ai ministri e ai governatori e a tutti gli italiani, lamente come il settore dello spettacolo sia stato del tutto dimenticato nel decreto sulla fase 2 dell’emergenza. Il trentenne sta lavorando, su scala nazionale, alla costituzione di un sindacato di artisti e si definisce “portavoce di un settore dimenticato”. “Sono un giovane artista e mi permetto, pochi giorni dopo un Primo Maggio senza lavoro, di segnalare la nostra condizione di ‘invisibili’. D’altra parte, già sapevo che chi produce cultura ed emozioni non è considerato molte volte un vero lavoratore – scrive -. Spesso, quando dico di essere un cantante, in molti mi rispondono: ma di lavoro che fai?”. Oggi “l’unica risposta che il governo ha saputo dare è il contentino dei 600 euro, aggiungendo una possibilità di indebitarci con garanzie statali. Diciamo che questo potrebbe aiutarci; ma quando finiranno questi ‘ammortizzatori’ cosa faremo? Il Teatro, i palcoscenici, le feste in generale come si faranno? Gli artisti autonomi che vivono alla giornata che faranno?”. “Ora si parla di possibile riapertura dei teatri”, conclude, “il primo ad annunciarlo è stata la Scala di Milano. E i teatri ‘minori’ cosa faranno? Quanti cast ci saranno? Le regie come si faranno? A due metri di distanza? E i contratti cancellati? Queste sono mie semplici riflessioni e anche uno sfogo su quello che vivono migliaia di persone quotidianamente, abbiamo solo punti interrogativi”.

tony
Author: tony

Comments are closed.